BUON GIORNO A TE , CONCITTADINO , HO CREATO QUESTO MIO BLOG CON LA INTENZIONE E LA SPERANZA DI RICHIAMARE LA TUA ATTENZIONE SU ARGOMENTI E PROBLEMI SOCIALI CHE POTREBBERO ESSERE DI COMUNE INTERESSE

SE VUOI DEDICARMI UN PO’ DEL TUO TEMPO , DAI UNO SGUARDO AGLI ARGOMENTI TRATTATI NEI VARI POST E SE NE RITIENI QUALCUNO PIU’ INTERESSANTE O UTILE , POTRESTI ANCHE DARNE UN SEGNO DI APPROVAZIONE O DI CONDIVISIONE E COSI’ FACENDO

POTRESTI UNIRE LA TUA VOCE , ALLA MIA VOCE , PER COINVOLGERE TUTTE LE COSCIENZE DI QUEI CITTADINI CHE , COME TE E COME ME , CREDONO NELL'ONESTA' , NELLA LEGALITA’ E NELLA GIUSTIZIA ; CITTADINI CHE , COME TE E COME ME , PRETENDONO LEGITTIMAMENTE CHE SIANO PIENAMENTE REALIZZATE TUTTE LE CONDIZIONI NECESSARIE A SODDISFARE LA ESIGENZA E IL DIRITTO DI POTER SCEGLIERE LIBERAMENTE E AUTONOMAMENTE QUELLE PERSONE RITENUTE DA NOI IDONEE A GOVERNARE , POTENZIALMENTE CAPACI DI GESTIRE LA NOSTRA SOCIETA’ NEL RISPETTO DELL’ ORDINE DEMOCRATICO E DEI PRINCIPI COSTITUZIONALI ; QUELLE PERSONE CHE SIANO IN GRADO DI ATTUARE E FAR RISPETTARE IN PIENO LA LEGALITA’ E CHE SIANO IN GRADO DI REALIZZARE UNA POLITICA DI VERA ED EFFETTIVA GIUSTIZIA ED EQUITA’ SOCIALE NEL NOSTRO PAESE .

TI RINGRAZIO PER L’ ATTENZIONE E TI SALUTO

“ LA MIA VOCE “ www.lamiavoce37.blogspot.com



giovedì 12 luglio 2018

LA FELICITA' , LA SERENITA'


La ricerca della  felicità , della serenità.

Non intendo voler esprimere giudizi , né formulare analisi , su questo tema così importante e delicato .  Desidero soltanto esprimere le sensazioni più autentiche , più vere , più reali , che suscitano in me , persona già avanti negli anni , stati d’animo di “felicità “ , sentimenti di gioia , di gratificazione , e che di volta in volta sono generate nel vedere , nel sentire , nel constatare che le persone che amo manifestano attraverso  momenti di felicità , di gioia , di gratificazione , non solo se questi sono  determinati da atti o comportamenti miei personali , ma anche per altri motivi o per altre cause.

Questo ho compreso e provato , come valore più grande , più autentico  dalla mia esperienza di vita ,  sia in senso propriamente soggettivo  che in quello di relazione con gli altri.

Ho capito che la ricerca di una  propria  felicità  , di una  serenità  , di una gratificazione , che  si limiti oppure che si orienti solo nel campo dell’ “ego “   ,  attraverso un processo  di “autogestione” del proprio essere , dei propri comportamenti , della propria mente , delle proprie emozioni ,  tale da riuscire ad “estraniarsi “ oppure a  “ porsi al di sopra “  rispetto a certe realtà ritenute  troppo  “ vincolanti”  o   ad evitare di subire effetti  nocivi da  ciò o da chi possa procurare disturbo o sofferenza , tutto questo  senza dubbio può risultare  utile e proficuo  al fine di  costituire un “ regime “ di vita  che  , anche se non sempre , ma in molte occasioni riesce a proteggerci dalle influenze negative procurate da eventi spiacevoli  o da atteggiamenti , comportamenti  scorretti , malevoli , cagionati da altri.

 Però ,  a mio avviso , non è questa la vera via da seguire , in tale ricerca , se non quella che  invece ci vede coinvolti nel mondo dei nostri più cari rapporti interpersonali , quelli che siano caratterizzati da scambi di emozioni e di sentimenti , nei quali il nostro “io “ venga condiviso pienamente e sinceramente  sotto gli aspetti sia reali , sia psicologici .

Infatti ,  il raggiungimento di stati d’animo che ci facciano sentire felici o sereni  può  avvenire  certamente , come sopra accennato ,  attraverso  un processo  di  autogestione e di autocontrollo  dei propri comportamenti , delle proprie emozioni , ma indubbiamente ciò si realizza in un contesto che  ci vuole vedere in una sorta di quasi isolamento psicologico dalla influenze esterne . Situazioni che , però ,  comportano  soggettivamente  il possesso  di notevoli capacità  caratteriali , di forte personalità , senza le quali  risulta assai difficile mantenere rapporti interpersonali  costruttivi  ed equilibrati , determinando al contrario , ove tali qualità  non vi siano , situazioni individuali  di vero e reale isolamento  dagli altri e spesse volte a  forme psico-patologiche dovute a  eccessiva concentrazione mentale e attenzioni nei confronti di se stessi , del proprio io , della propria salute , e conseguentemente  a  stati d’animo sicuramente instabili , insicuri , turbati , incapaci di provare  momenti di vera serenità  e felicità .    

giovedì 28 giugno 2018

FONDO PER LA POVERTA'



“ Fondo per la Povertà “
PER  UNA  VERA  GIUSTIZIA  SOCIALE  E   FISCALE
Non potrà mai esservi  “ Giustizia Sociale “  in un Paese in cui esistono pochi molto ricchi e molti molto poveri , costretti a vivere di stenti e di elemosina.
Per una vera e reale Giustizia Sociale e  Fiscale 
 serve  una  Riforma  strutturale  del  Sistema  Fiscale  , oltre che   l’abolizione  di tutti  i  privilegi  di  caste .

Non sarebbe sufficiente operare solo attraverso abolizioni di "privilegi " , vitalizi ,  semplici  " tagli " alle "pensioni d'oro " , ai  redditi  alti , posto che  questi  sarebbero  provvedimenti  facilmente  impugnabili , interessando il  più  delle  volte  diritti  acquisiti , ma soprattutto  da tutto ciò  si ricaverebbero importi economici non sufficienti a soddisfare realmente ed efficacemente  le esigenze volte a risolvere il fenomeno della povertà.

Infatti , per ottenere finalmente una reale ed effettiva  equità  distributiva dei redditi e quindi un recupero di risorse finanziarie utili ad ottenere  una importante e forte riduzione delle disuguaglianze economiche fra ceti sociali , è sufficiente  una  vera , radicale  Riforma  Fiscale  generale , che incida in modo determinante sulle misure delle  Aliquote  fiscali , attraverso il sistema proporzionale ,( peraltro già  sancito dalla Costituzione ) , che , rispetto alle misure vigenti ,  preveda aliquote  maggiori  sui redditi più alti e sulle rendite finanziarie più elevate, oltre che sui grandi  patrimoni , e maggiori  esenzioni  e agevolazioni  sulle fasce di reddito  basse . Il tutto accompagnato da una seria , reale , drastica  lotta  alla grande evasione  fiscale  , alla corruzione ,  al riciclaggio di denaro ,   e  alle attività  criminali  con  confisca   dei  loro patrimoni .

Inoltre , sarebbe oltremodo utile la istituzione  da parte del Governo di un “ Fondo per la Povertà “ , per il finanziamento di un “ reddito minimo di cittadinanza “  costituito di somme di denaro provenienti dalle imposte della “ Riforma fiscale “ ,  dall’acquisto di “ Gratta e vinci “ , biglietti e schedine riguardanti giochi del lotto  e similari , nonché  da somme di denaro  offerte liberamente , da chiunque voglia sostenere il Fondo medesimo.

Un’ altra ipotesi di Riforma fiscale  , che preveda  una  “ FLAT TAX “ ,  una  bassa  aliquota  fissa  ( es. del 20%  o  del  25 % ) , uguale  per  qualunque  reddito , finalizzata  a richiamare  l’interesse  da  parte  di  capitali  verso  il  sistema  finanziario  nazionale ,  potrebbe  risultare utile soltanto se tali  operazioni  fossero  destinate  maggiormente  ad  investimenti  produttivi  nel  mercato  interno , generando  più  lavoro  e  quindi  crescita  economica ,  e  non  agli investimenti  di  tipo  speculativo ,  che  invece  aggraverebbero  pesantemente  le  disuguaglianze  fra  ceti  sociali  e  un  aumento  ancora  più  allarmante  della  disoccupazione  e  della  povertà .






domenica 17 giugno 2018

LE MIGRAZIONI " FORZATE "


         LE   MIGRAZIONI    FORZATE  “ 





 
Fra speranze  e  egoismi

  E’  DIRITTO  E  ANCHE   DOVERE  DI  CIASCUNO  DI  NOI  CONOSCERE  LA  VERITA’   DEI  FATTI  

05 ottobre 2017

Migranti. Ismu: «Ecco i numeri del 2017»
di Redazione
13 gennaio 2018

Il 2017 si è chiuso registrando il numero più basso di migranti giunti via mare sulle coste dei Paesi del Mediterraneo da quando ha avuto inizio nel 2014 il massiccio flusso di ingressi verso l’Europa. Sono stati complessivamente poco più di 171mila, meno della metà di quanti sbarcarono nel 2016
Il 2017 si è chiuso registrando il numero più basso di migranti giunti via mare sulle coste dei Paesi del Mediterraneo da quando ha avuto inizio nel 2014 il massiccio flusso di ingressi verso l’Europa. Sono stati complessivamente poco più di 171mila, meno della metà di quanti sbarcarono nel 2016, e ben lontani dall’oltre un milione di migranti giunti in Europa via mare nel 2015.
Questi i dati resi noti oggi dalla Fondazione Ismu, ente di ricerca indipendente da anni impegnato sui temi della multietnicità e delle migrazioni.
L’Italia nel 2017 è tornata ad essere il principale paese di approdo nel Mediterraneo: i quasi 120mila migranti sbarcati hanno costituito il 70% di tutti gli arrivi via mare in Europa. Il 2015 fu l’anno della Grecia, che raccolse l’84% degli arrivi (857mila, siriani, afghani e iracheni principalmente), mentre nel 2016 dopo l’accordo con la Turchia gli sbarchi sulle isole greche subirono un significativo ridimensionamento: Italia e Grecia accolsero rispettivamente 181mila (50%) e 174mila (48%) migranti.
Nel 2017 il paese del Mediterraneo che ha visto aumentare in modo rilevante gli arrivi è stato la Spagna: nel 2016 rappresentò il 2,3% per numero di arrivi mentre nell’anno appena concluso ha visto approdare sulle proprie coste più di 21mila migranti, con un aumento del 160% rispetto al 2016. Gli incrementi sono iniziati soprattutto nei mesi estivi, quando al contrario si è registrato il drastico rallentamento degli arrivi in Italia dovuti in particolare agli accordi con la Libia. Nel nostro paese gli sbarchi sono calati di un terzo rispetto all’anno precedente.

Relativamente alle provenienze dei migranti si rilevano differenze tra i Paesi di approdo: tra le nazionalità dichiarate al momento dello sbarco in Italia nel 2017 hanno prevalso quelle della Nigeria, della Guinea, della Costa d’Avorio e del Bangladesh. In Grecia sono giunti soprattutto siriani, iracheni e afghani. In Spagna, via mare e via terra, sono arrivati migranti dal Marocco, dall’Algeria, dalla Costa d’Avorio e dalla Guinea.
Morti e dispersi nel Mediterraneo. E' rimasto significativo anche il numero di persone che hanno perso la vita nel tentativo di raggiungere l’Europa via mare: nel 2017 si stimano 3.116 i migranti morti o dispersi nelle acque del Mediterraneo, e principalmente nella più pericolosa rotta del Mediterraneo Centrale dal Nord Africa- Libia all’Italia. Nel 2017 infatti ci sono stati 18 morti e dispersi ogni 1000 sbarcati, la proporzione più alta del quadriennio considerato – era 14,2‰ nel 2016, 3,7‰ nel 2015 quando i migranti attraversarono il Mediterraneo nella rotta orientale e sbarcarono soprattutto in Grecia, e 15,2‰ nel 2014.

Andamento degli sbarchi in Italia dal 2014 al 2017. Osservando i dati mensili del triennio 2014-2016, la situazione italiana evidenzia un andamento piuttosto omogeneo con sbarchi più numerosi nei mesi estivi - con qualche eccezione come il mese di ottobre del 2016 che in assoluto ha registrato il più alto numero di migranti sbarcati (oltre 27mila) e a settembre 2014 con 26mila sbarcati - mentre nel 2017, appena concluso, tale andamento si è interrotto e gli arrivi sono calati anche fino all’80%. La riduzione degli arrivi ha riguardato anche la componente dei minori non accompagnati, che sono stati 15.731 nell’anno 2017 (-39% rispetto all’anno precedente). Tale componente risulta tuttavia ancora molto significativa in termini relativi: ha rappresentato infatti il 13% degli arrivi via mare dell’anno.


Richieste d’asilo: nel 2017 sono state 130mila. Anche sul fronte delle richieste di asilo l’andamento nel corso dell’anno appena concluso evidenzia un calo nel numero delle domande presentate a partire da luglio-agosto, parallelamente a quanto è avvenuto per gli sbarchi – sebbene come è noto le richieste di asilo riguardino anche migranti giunti via terra e via aerea. Complessivamente nel 2017 sono state 130mila le richieste di asilo, con un lieve aumento rispetto all’anno precedente (+5,4%), e presentate soprattutto da nigeriani, bangladesi, pakistani, gambiani e ivoriani.

Nel 2017 sono state esaminate oltre 80mila domande, 10mila meno rispetto al 2016. Si conferma molto significativo il numero di migranti a cui non è stata riconosciuta alcuna forma di protezione: il 60% del totale, cioè 47.839 casi (i dinieghi comprendono anche gli irreperibili).
E’ cresciuto il numero di coloro che hanno ottenuto lo status di rifugiato, status che nel 2017 ha costituito l’8,5% degli esiti - era il 5,5% l’anno precedente - mentre si è fortemente ridimensionata la protezione sussidiaria che nel 2016 era stata concessa a oltre 11mila migranti e nel 2017 a 5.800. Una domanda su quattro ha avuto come esito la protezione umanitaria.

Relocation: il 43% dei richiedenti protezione internazionale è stato trasferito in Germania. Infine, uno sguardo ai dati relativi al programma di “relocation” avviato a settembre 2015 dalla Commissione Europea a beneficio dell’Italia e della Grecia, i Paesi europei maggiormente soggetti alla pressione del fenomeno migratorio.
Al 31 dicembre 2017 sono stati trasferiti dall’Italia in un altro Stato Membro 11.464 richiedenti protezione internazionale. Si tratta quasi esclusivamente di cittadini eritrei (95% dei casi) e solo di 521 siriani e 98 di altre provenienze che possono beneficiare del programma. Tra i trasferiti anche minori accompagnati (1.083) e minori soli (99).
I richiedenti protezione internazionale sono stati accolti soprattutto dalla Germania, dove è stato ricollocato il 43% dei migranti. Seguono Svezia (10,6%) e Svizzera (7,8%); quest’ultima pur non facendo parte dell’Unione Europea grazie ad accordi bilaterali con l’Italia ha reso disponibili posti per il ricollocamento.



ROMA – Medici per i Diritti Umani (MEDU) ha presentato oggi, presso la Sala della Stampa Estera a Roma, ESODI 2017 la nuova web map sulle rotte migratorie dai paesi sub-sahariani verso l’Europa. ESODI è una mappa interattiva realizzata sulla base di duemilaseicento testimonianze raccolte da Medici per i Diritti Umani in quasi quattro anni (2014-2017), di cui oltre la metà  nel solo 2017. La mappa interattiva - arricchita di video testimonianze, di grafici e di statistiche - racconta nel modo più semplice e dettagliato possibile le rotte affrontate dai migranti dall’Africa subsahariana all’Italia, le difficoltà, le violenze, le tragedie e le speranze attraverso le voci dei protagonisti.

LA MAPPA DELLE MIGRAZIONI

In Libia la situazione più drammatica. La situazione più drammatica è in questo momento in Libia come testimoniano i racconti dei migranti in questi giorni a Tripoli, Sabha, Gharyan, Beni Walid, Zawia e Sabratha. Gli imbarchi dalle coste libiche sono drasticamente diminuiti dopo la firma dei nuovi accordi italo-libici come anche gli ingressi di migranti nel territorio libico dal Niger e dal Sudan, paesi chiave dei flussi migratori provenienti da Africa occidentale e Corno d’Africa, in conseguenza degli accordi stipulati da Italia ed Unione europea con questi stati.

Il tragico risultato di certe politiche. Il risultato di queste politiche è tragico: centinaia di migliaia di migranti bloccati in Libia, la maggior parte dei quali in condizioni di detenzione, sequestro e schiavitù. Le  migliaia di testimonianze raccolte da Medici per i Diritti Umani descrivono un paese che oggi è una sorta di grande lager per i migranti, sottoposti a violenze ed abusi gravissimi; un  paese dove si commettono crimini contro l’umanità su vasta scala; un paese che è diventato un luogo di morte e di tortura per centinaia di migliaia di uomini, donne e bambini. A fronte di un quadro di questa gravità, la comunità internazionale è chiamata a  rispondere con la massima energia ed urgenza.

I 30 centri di detenzione con dentro da 6 a 15 mila persone. In questo contesto si stima che i 30 centri di detenzione formalmente sotto il controllo del governo libico di Al Sarraj contengano attualmente un numero che oscilla tra le seimila e le quindicimila persone. Le restanti decine di migliaia di migranti si trovano in un enorme buco nero fatto di luoghi di detenzione e di sequestro controllati da milizie, trafficanti  e bande criminali come gli Asma Boys.

Le colpe dell'Europa e delI' Italia. Se infatti l’accordo italo-libico dello scorso febbraio, avallato dall’Europa, prevedeva teoricamente due obiettivi strategici fondamentali – il contrasto dei flussi migratori verso l’Italia e il miglioramento delle condizioni di vita dei migranti in quelli che il memorandum definisce “centri d’accoglienza” libici – emerge oggi con tutta evidenza che, mentre il primo scopo viene pervicacemente perseguito, il secondo risulta del tutto disatteso, rendendo di fatto l’Italia e l’Unione europea corresponsabili delle atrocità che si stanno consumando in Libia. Al di là delle dichiarate buone intenzioni, infatti, le iniziative umanitarie messe in campo, o previste, sia da parte del governo italiano sia da parte delle organizzazioni internazionali, risultano drammaticamente insufficienti di fronte alle dimensioni di questa catastrofe umana; in pratica come pretendere di svuotare una palude con un cucchiaio.

L'85% dei migranti ha subito torture. Secondo i dati raccolti da Medici per i Diritti Umani in questi ultimi quattro anni -confermati se non aggravati negli ultimi mesi – l’85% dei migranti giunti dalla Libia ha subito torture e trattamenti inumani e degradanti e nello specifico il 79% è stato detenuto/sequestrato in luoghi sovraffollati ed in pessime condizioni igienico sanitarie, il 60% ha subito costanti deprivazioni di cibo, acqua e cure mediche, il 55% gravi e ripetute percosse e percentuali inferiori ma comunque rilevanti stupri e oltraggi sessuali, ustioni provocate con gli strumenti più disparati, falaka (percosse alle piante dei piedi), scariche elettriche e torture da sospensione e posizioni stressanti. Tutti i migranti detenuti hanno subito continue umiliazioni e in molti casi oltraggi religiosi e altre forme di trattamenti degradanti. Nove migranti su dieci hanno dichiarato di aver visto qualcuno morire, essere ucciso o torturato. Alcuni sopravvissuti sono stati costretti a torturare altri migranti per evitare di essere uccisi. Numerosissime le testimonianze di migranti costretti ai lavori forzati o a condizioni di schiavitù per mesi o anni. Questi dati, probabilmente addirittura sottostimati, rappresentano, a nostro avviso, un quadro fedele delle violenze sistematiche a cui vengono sottoposti tutti i migranti che giungono dalla Libia nel nostro paese.

Le atrocità comprovate da evidenze fisiche e psichiche. Le atrocità raccontate dai testimoni trovano conferma nelle sequele fisiche e psichiche rilevate nei sopravvissuti  dai medici di Medu. L’82% dei pazienti visitati presentava ancora segni fisici, spesso gravi, compatibili con le violenze riferite. Oltre ai segni fisici vi sono poi, spesso più insidiose e invalidanti, le conseguenze psicologiche e psicopatologiche. Tra i disturbi psichici più frequentemente rilevati dai medici e dagli psicologi di Medu, vi sono il Disturbo da stress post traumatico  (PTSD) e altri disturbi correlati ad eventi traumatici ma anche disturbi depressivi, somatizzazioni legate al trauma, disturbi d'ansia e del sonno.

Non sono persone di second'ordine. A fronte di un quadro di tale gravità, Medici per i Diritti Umani chiede una reazione adeguata ed immediata da parte dell’Italia, dell’Unione europea e della comunità internazionale. Centinaia di migliaia di persone condannate a queste atrocità non possono essere considerate esseri umani di second’ordine. Così come è stato possibile arrestare il flusso migratorio nell’arco di pochi mesi, con altrettanta rapidità e determinazione deve essere garantita incolumità e protezione ai migranti intrappolati nel lager libico. I centri di detenzione libici, anche quelli sotto il controllo governativo, sono chiaramente non riformabili ed è pertanto necessaria l’immediata attivazione nel paese nordafricano di centri di accoglienza sotto il controllo della comunità internazionale, con il contributo operativo di
Unhcr e Oim, dove siano garantite ai migranti la possibilità di fare richiesta di protezione internazionale o la possibilità di un rimpatrio sicuro.

I motivi delle fughe. I dati e le testimonianze raccolti da ESODI descrivono, tra l’altro, i motivi della fuga dai paesi d’origine (meno del 10% dei testimoni adduce esclusive motivazioni economiche), evidenziando come la distinzione tra rifugiati e migranti economici sia ormai una concezione vecchia quanto il muro di Berlino, incapace di descrivere la complessità del mondo attuale, in cui le dimensioni della povertà, delle persecuzioni e della violenza si intrecciano nei percorsi di vita individuali delle persone in fuga. In una più ampia prospettiva risulta quanto mai necessario attivare corridoi umanitari per le persone in fuga da guerre e persecuzioni così come attivare canali di ingresso legali verso l’Italia e l’Europa.


Secondo l’Unhcr (Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati) più della metà dei migranti complessivi che arrivano nell’Unione europea provengono da Siria, Iraq e Afghanistan. In Italia la tendenza è diversa: la gran parte dei migranti proviene da paesi dell’Africa subsahariana. Cerchiamo di fare un breve quadro dei flussi migratori per spiegare da dove provengono i migranti e perché abbandonano i loro paesi d’origine.



Anche se spesso si sente parlare di “emergenza”, quella dei migranti non può più essere definita tale, non avendo più nulla di straordinario e improvviso. I flussi migratori degli ultimi anni, pur considerando alcuni picchi rilevanti, si mantengono relativamente stabili e prevedibili. Al netto delle affermazioni propagandistiche di alcuni gruppi politici e di interesse, la percezione diffusa riguardo ai migranti è spesso di diffidenza, legata anche all’ignoranza delle cause che obbligano queste persone a scappare dal proprio paese d’origine.
I migranti che giungono in Europa provengono perlopiù dall’Africa subsahariana, dal Medio Oriente e da alcuni paesi asiatici come il Bangladesh e superano, oltre a grandi ostacoli naturali – il deserto del Sahara, il Mar Mediterraneo – territori pericolosi come il Mali e la Libia. Paesi politicamente instabili, in guerra o sotto dittature, molto poveri oppure – e in futuro saranno la maggioranza –  colpiti da sconvolgimenti climatici.
 

Maggiori rotte migratorie verso l’Europa –
Se esaminiamo le nazionalità di appartenenza più rappresentate nei flussi che attraversano il Mediterraneo, secondo i dossier dell’Unhcr, tre Stati la cui situazione non ha bisogno di molte presentazioni sono all’origine di quasi la metà dei migranti:

Siria
Uno Stato smembrato da una guerra civile catastrofica che dura dal 2011, di cui ha approfittato Isis per occupare grandi territori e che ha causato centinaia di migliaia di morti e milioni di rifugiati. Tra il 25% ed il 29% dei migranti che arrivano in Europa provengono dalla Siria.
Afghanistan
Paese dalla situazione politica ed economica storicamente critica, che non si è più risollevato dopo l’intervento statunitense del 2001, ed è frammentato oltre che dilaniato da scontri tra il debole governo, i talebani e vari signori della guerra. La quota di afghani arrivati nel continente europeo si aggira intorno al 14%.
Iraq
A seguito dell’intervento statunitense del 2003 e della caduta di Saddam, il paese è estremamente instabile anche a causa dell’eterogenea composizione etnica e confessionale. Parte del territorio è ancora occupato da Isis. Circa il 9% dei migranti che arrivano in Europa sono irakeni.


Se si considerano invece gli arrivi in territorio italiano, le percentuali cambiano: la maggior parte dei migranti provengono da paesi dell’Africa subsahariana.
Nigeria
Una nazione affacciata sul golfo di Guinea, ex colonia inglese arricchitasi grazie al petrolio, minacciata a nord dal terrorismo islamico di Boko Haram, gruppo affiliato al sedicènte Califfato che si è reso artefice di brutali violenze. Nemmeno a sud del Paese la situazione è tranquilla, a causa di una costante guerriglia legata al controllo dei pozzi petroliferi del Delta del Niger. In Italia il maggior numero di migranti (il 19%) proviene da questo paese.
Eritrea
Ex colonia italiana nel Corno d’Africa. Dittatura militare da cui fuggono molti giovani per evitare una leva a tempo indeterminato. Avevamo parlato della situazione in Eritrea in questo nostro articolo. Sono eritrei all’incirca il 13% dei migranti che arrivano in Italia.
Sudan
Una dittatura de facto dal 1989, ex colonia inglese. Il conflitto nel paese è endemico Pur essendo uscito da una sanguinosa guerra civile (ufficialmente terminata nel 2005), continua ad avere una situazione politica estremamente difficile, da cui fuggire. In Italia la quota di migranti in arrivo da questo Paese è circa del 7%.
Gambia
Un piccolo paese sulla costa occidentale dell’Africa, anch’esso ex colonia inglese; dal 1994 è governato da Yahya Jammeh, salito al potere con un colpo di stato e confermato da successive elezioni. Secondo le associazioni per i diritti umani nel paese si verificano rapimenti, detenzioni arbitrarie e torture. Il 7% dei migranti in che affluiscono in Italia è originario del Gambia.
Costa d’Avorio
Ex colonia francese in Africa Occidentale, colpita nel 2010 da una grave crisi politica e da scontri civili interni, in questo momento sembra abbia imboccato la strada della riconciliazione e della ricostruzione: gli Usa hanno recentemente eliminato le sanzioni imposte da Bush all’epoca della guerra civile del 2006. Anche in questo caso, la quota degli arrivi si attesta intorno al 7% del totale.
Somalia
Considerata un altro “Stato fallito”, questa ex colonia italiana nel Corno d’Africa è dilaniata da guerra civile che, con alti e bassi, prosegue dagli anni ‘80. Sono somali il 5% delle persone che attraversano il Mediterraneo.


Percentuali minori di rifugiati provengono da Paesi come il Mali, il Ciad e molti altri. Un discorso a parte merita la Libia, ovvero la nazione per la quale passa buona parte dei migranti dell’Africa subasahariana, e da cui partono la maggior parte dei barconi diretti verso le coste italiane:
 la Libia è infatti nella maggioranza dei casi l’ultima tappa africana dei grandi percorsi migratori che hanno come obiettivo l’Europa e che partono dall’Africa, ma non produce di per sé un alto numero di migranti.
Quote dei profughi presenti nei territori europei –
A seguito della guerra civile, della deposizione Gheddafi e del caos che ne è conseguito, la Libia si è andata ad aggiungere alla lista degli “Stati falliti”. I governi di Tripoli (che controlla l’ovest del Paese) e di Tobruk (che controlla la parte est) sono entrambi impegnati nella lotta contro le fazioni islamiste e contro l’Isis, ma non sono mai riusciti a giungere ad un accordo che potesse contemplare la formazione di un governo di unità nazionale capace di operare su tutto il territorio.
A causa della sempre più forte pressione politica, spesso le istituzioni europee sembrano essere restie a concedere lo status di rifugiato a molte persone che, in linea teorica, dovrebbero averne diritto, in base agli standard internazionali. In tal senso è emblematico il recente episodio, accaduto in Italia, che riguarda la deportazione diretta di 48 sudanesi in Sudan, effettuata ignorando i tradizionali passaggi burocratici e di garanzia. Come visto, il Sudan è uno Stato dalla situazione politica critica, e il suo Presidente, Omar al-Bashir, è stato giudicato colpevole di diversi reati dalla Corte Penale Internazionale, tra cui crimini di guerra, crimini contro l’umanità e genocidio (per via delle vicende che hanno riguardato il Darfur): è il primo Capo di Stato incriminato nella storia della Corte per tali reati.
L’Unione europea è evidentemente in difficoltà, e non sembra ancora capace di perseguire strade più rispettose dei suoi stessi principi fondanti
Nel frattempo in Ungheria il referendum contro la distribuzione delle quote Ue dei migranti – appena 1.200 quelli che avrebbero dovuto essere ospitati nel Paese magiaro – non raggiunge di poco il quorum, ma vede una vittoria netta del rifiuto della quota ungherese. Questo mentre in Italia si ricorda l’anniversario del grande naufragio del 2013 e si affronta una delle giornate più difficili per quel che riguarda i salvataggi in mare: il 3 ottobre, infatti, 5.600 migranti vengono recuperati nel Canale di Sicilia. L’estate è finita.
Federico De Salvo


Fine modulo


Inizio modulo

Fine modulo